SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: UNO STUDIO PILOTA

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: UNO STUDIO PILOTA

#tunnelcarpale #studiopilota #CTS

La sindrome del tunnel carpale (CTS) è la più comune fra le neuropatie periferiche da intrappolamento. Le terapie standard per questa sindrome comprendono la decompressione chirurgica e l’approccio conservativo. La prima rappresenta il metodo più frequente nei casi avanzati ed è basata su numerose evidenze scientifiche; l’altro include l’uso di tastiere ergonomiche e altri supporti, esercizi riabilitativi, terapia con ultrasuoni, immobilizzazione del polso e corticosteroidi sotto forma di iniezioni o orali.
In letteratura è stato segnalato anche il Trattamento Manipolativo Osteopatico (OMT), seppur meno comune, a causa probabilmente della poca ricerca che lo supporta.
Quindi, lo scopo dello studio pilota è stato quello di valutare l’efficacia dell’OMT per la CTS, utilizzando un robusto disegno di studio e misurazioni quantitative attuali e validate degli outcame.
In particolare, i dati sono stati ottenuti tramite: il Boston Carpal Tunnel Questionnaire (BCTQ), il Sensory Symptom Diagram (SSD), una valutazione della percezione globale del paziente rispetto il trattamento, valutazione elettrofisiologica e immagini ecografiche di entrambi gli arti superiori.

I risultati del BCTQ hanno dimostrato che i sintomi correlati alla CTS erano peggiori prima del trattamento (F = 8.3; P = .01) e sono migliorati in modo statisticamente significativo dopo il trattamento (F = 11.0; P = .004). Anche la disabilità legata a tale sindrome era peggiore prima del trattamento (F = 5.8; P = .03) ed è statisticamente migliorata in seguito (F = 6.8; P = .02). È stato anche osservato un abbassamento statisticamente significativo dei punteggi SSD dopo il trattamento (F = 4.19; P = .0002). Dopo sei settimane di trattamento la maggior parte dei pazienti ha riferito di non avere più alcun dolore alla palpazione locale del polso.

In questo studio pilota si è dunque dimostrata l’efficacia del Trattamento Manipolativo Osteopatico nella gestione dei sintomi della sindrome del Tunnel Carpale, tuttavia le misure oggettive della funzione elettrofisiologica del nervo mediano e la morfologia al tunnel carpale, valutata tramite ecografia, non sono cambiate.
Pertanto si può affermare che il trattamento osteopatico ha gestito efficacemente i sintomi e la disabilità della sindrome in questione in tutti i partecipanti allo studio, ma il meccanismo tramite il quale si è raggiunta questa efficacia sembra non essere ancora chiaro, sebbene si supponga che siano coinvolti processi del sistema nervoso centrale.

Fonte https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=25722360

 

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: UNO STUDIO PILOTA
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn